semi di chia

0
274

Durante le mie lezioni , sia individuali che di gruppo parlo sempre un poco di alimentazione e ogni tanto dò anche qualche ricetta …

Oggi più che mai è importante comprendere quanto sia fondamentale nutrire noi stessi e la nostra famiglia con cibo genuino, preparato con le nostre mani , cucinato nella nostra cucina…. e dico questo per un aspetto fondamentale di quello che è il valore energetico di quanto “somministriamo” al nostro

corpo per vivere, produrre l’energia necessaria per il suo buon funzionamento…ma non solo…il cibo è accoglienza, è dono… è nutrimento fisico e spirituale …

Il buon cibo può veramente aiutare a vivere meglio e a “vedere” meglio anche con il piacere visivo di un cibo ben presentato e offerto con amore..

Ecco perché oggi condivido con voi qualcosa che non sapevo sui semi di Chia descritto così bene dalla Dr.ssa Cassago cui lascio lo spazio…..

Buona lettura !

Fonte : Il Globo,la Fiamma, Reteitalia

DANIELA CASSIAGO | Parliamo oggi di un nuovo alimento, ancora relativamente nuovo per molti di noi ma presente già da qualche anno sul mercato australiano. Il suo nome è Chia, che in antico linguaggio del centro America significa “forza”. I suoi semi, utilizzati in passato dai Maya e dagli Atzechi, sono una miniera di sostanze nutritive.

In un momento in cui molti dei cibi che ci vengono proposti dalle grandi aziende alimentari sono molto lavorati, devitalizzati, cotti ad alte temperature e privati di quasi tutto il loro valore nutritivo, sapere che si ha a disposizione un alimento nutriente e naturale ci rincuora.

I semi di Chia sono ricchi di vitamine B, incluso 110ng per 100 grammi di prodotto di vitamina B12. Donano quindi energia e sostengono il sistema nervoso, nutrendolo e rinforzandolo. Con un sistema nervoso ben nutrito ci si sente più calmi, più forti, aumenta la capacità di concentrazione e diminuisce l’ansia. Sono inoltre un cibo ad basso indice glicemico. Questo significa che sono indicati per i diabetici e per coloro che soffrono di ipoglicemia, in quanto, rilasciando il glucosio poco alla volta, mantengono il livello di zucchero nel sangue stabile.

Circa il 35% del contenuto dei semi è composto da grassi acidi essenziali, principalmente l’ALA (Alpha-linolenic acid) conosciuto anche come Omega 3 e gli Omega 6, in rapporto a 3:2 con gli Omega 3. Questo fa dei semi di Chia un ottimo candidato per la fornitura di grassi acidi essenziali al nostro organismo per coloro che non amano il pesce o desiderano nutrirsi senza recare danno al mondo animale. Ricordiamo brevemente che i grassi acidi essenziali sono importanti per la salute del cuore, del cervello, dei muscoli, eliminano l’infiammazione e i dolori e mantengono le articolazioni ben oliate e sane. Questo alimento offre un buon apporto di minerali tra cui calcio, ferro, fosforo, magnesio, potassio, zinco, rame e boron. Il tipo di calcio presente nei semi di Chia è più assorbibile del calcio presente nel latte di mucca, quindi più prezioso per il nostro organismo. Il quantitativo di ferro è tre volte maggiore rispetto al ferro contenuto negli spinaci, il che rende i semi di Chia molto adatti ai bambini che in genere rifiutano di mangiare le verdure. Il magnesio è presente in una quantità 15 volte superiore a quella contenuta nei broccoli.Un’altra caratteristica di tutto rispetto di questi semi è il buon quantitativo di  trigliceridi a lunga catena, essenziali per proteggere la membrana cellulare e per equilibrare colesterolo e lipidi nel sangue. Circa il 25% dei semi di Chia è composto da proteine, inclusi gli 8 aminoacidi essenziali che il nostro organismo non può sintetizzare da solo e che vanno presi dal cibo. Questa è un ottima notizia per tutti i vegani che non mangiano prodotti animali e per chi voglia diminuirne la quantità consumata sia per rispetto degli animali stessi che per nutrirsi con meno tossine. I prodotti animali  ispessiscono il sangue e appesantiscono reni e fegato. La Chia è ricca di antiossidanti, sostanze che combattono i radicali liberi e prevengono il danneggiamento delle nostre cellule. Il livello di antiossidanti è talmente elevato che questi semi non richiedono neanche di stare in frigorifero, ma si mantengono freschi da soli per molto tempo. Tra i principali antiossidanti ci sono acido clorogenico, i flavonoidi, l’acido caffeico, la quercetina, la mircitina e i campfenoli.
La capacità dei semi di Chia di assorbire un quantitativo di acqua 9 volte superiore al loro peso li rende perfetti per pulire l’intestino. Infatti, assorbendo l’acqua, il seme crea un gel che raccoglie scorie e tossine dal nostro intestino e le incorpora nelle feci, migliorando la stitichezza e il colon irritabile.
Ora che abbiamo visto tutte le proprietà di questi semi, vediamo un pò come possiamo includerli nella nostra dieta giornalmente. Eccovi alcune ricette da provare. L’obbiettivo è quello di trovare una ricetta che piaccia in modo da utilizzare i semi regolarmente e non solo una volta ogni tanto. Il nostro comportamento alimentare giornaliero è quello che determina la nostra salute, mentre quello che facciamo solo una volta ogni tanto non va ad incidere molto, né nel bene e né nel male.
Frullato di Chia
Un bicchiere di latte di riso, un cucchiaio di yogurth naturale, 2 cucchiaini di semi di Chia, mezza banana, una ciotola di frutti di bosco o frutta a piacere, un cucchiaio di miele. Passare tutto nel frullatore e bere al mattino per colazione.
Zuppa alla Chia
Macinare due cucchiaini di semi di Chia in un macinino e utilizzare i semi macinati al posto del parmigiano. Il gusto si sposa molto bene con la zuppa di zucca, porri e patate oppure con la minestra di fagioli e cavolo.
Frutta cotta ai semi di Chia
Cuocere al forno mele e pere con cannella e un pò di zucchero grezzo (dessert che combatte la stitichezza e disinfiamma l’intestino). Una volta che la frutta è cotta aggiungere un cucchiaino di semi di Chia macinati.
Frittata alla Chia
Sbattere le uova e aggiungere noce moscata, un pizzico di sale dell’Hymalaia e un cucchiaino di semi di Chia non macinati. Cuocere zucchine e cipolle a parte mantenendole croccanti e una volta raffreddate aggiungere le uova e preparare la frittata. Aggiungete un’insalata fresca con fettine di avocado e avrete un pasto completo e nutriente.