“Essere” Educatore Visivo

0
228
La professione di Educatore Visivo  basata sulla scienza del Dr. W.H.Bates
 
Parliamone 
 
Ho la fortuna di fare questo lavoro da molti anni.
Ho  avuto la fortuna di aver potuto studiare molto 
Ho avuto la fortuna di poter spendere quattrini in corsi di aggiornamento anziché spenderli in cose volatili….
Ho avuto altresì  la fortuna di saper distinguere il superfluo dal necessario 
Ho la fortuna di collaborare con medici oculisti, con medici osteopati, con odontoiatri, con psicotepeuti, con fisioterapisti , con naturopati, con pediatri …..
 
Ho la fortuna di essere curiosa e di avere  l’opportunità  di poter accedere a tutte le informazioni  che “sento” utili al mio lavoro . 
 
Quante fortune 
 
Ho anche la fortuna di vedere e “sentire” tante persone attraverso questa  meravigliosa professione 
 
E dico “attraverso” usando  volutamente questa parola ……
 
Facendo questo lavoro seriamente è importante  saper attraversare le paure e le incertezze di chi non vede bene per traghettarle verso un porto sicuro. 
Significa saper prendere  per mano le persone, grandi e piccini, per far loro  attraversare campi sconosciuti che loro credono irti di pericoli.
Si tratta di attraversare le difficoltà di chi non vede per trasformarle in opportunità di crescita e di cambiamento. 
 
Significa avere il coraggio di prendere qualcuno per mano per  accompagnarlo in un viaggio fatto di scoperte di cose semplici che sembrano loro così difficili. 
Parlo da persona che vede bene e che ha anche faticato  a  comprendere  come vede chi vede male 
Ho fatto fatica a comprendere  come si può distorcere la realtà attraverso un modo errato di usare lo sguardo 
 
In quale guazzabuglio si mette  il cervello di chi rinuncia alla  visione naturale, morbida, soffice e rilassata ? 
In un bel guazzabuglio !!!
 
Ebbene tutto questo si può cambiare  attraverso tante pratiche …tutte  attività che implicano un cambiamento  perchè proprio di questo  si parla !
 “Cambiamento consapevole” si ma anche di fiducia , di desiderio di scoprire qualcosa di sè che non si conosce ancora ….
 
E allora come deve essere un buon Educatore Visivo  ? 
 
Deve saper insegnare gli “esercizi” del Metodo Bates ? 
 
Il Metodo Bates non è fatto di  esercizi bensì di cambiamenti
Il Metodo Bates è fatto di scoperte 
Il Metodo Bates è fatto di elasticità 
Il Metodo Bates  è fatto di curiosità 
Il Metodo Bates è fatto di gioia per la scoperta di un mondo più colorato, più dettagliato, più ampio , più tridimensionale , più intenso , più reale ! 
 
Il Metodo Bates è un viaggio pieno di scoperte, emozioni …e anche di accettazione 
Quante volte mi sono sentita dire “ma come è possibile che io  ora veda ….mi avevano detto che ….sarei sempre peggiorato….”
Come è possibile ? 
E’ possibile  con un buon insegnante 
E’ possibile se si comincia dall’accettazione di una vista difettosa …
“Accettiamola” per poterla cambiare  
“Vediamola” per poter vedere  diversamente 
 
Gli allievi che formiamo nella nostra scuola riconosciuta dall’Aiev , per diventare insegnanti di Educazione Visiva sanno che il loro percorso dura parecchio. 
Ci vogliono 5 anni per essere sicuri di avercela fatta ….e soprattutto per “sentirsi” sicuri …
Ci vogliono 5 anni  per poter pensare di  essere pronti per sostenere qualsiasi situazione e avere la mano ferma per traghettare  chi si affida loro , verso la  sponda sicura della buona visione naturale, senza sforzo e senza fatica …
 
E’ indubbio  che si tratta di un  percorso  lungo ma soprattutto è un percorso  di crescita personale per  l’operatore stesso  che desidera aiutare il suo prossimo a vedere al meglio delle sue possibilità. 
 
E’ un percorso dove si deve sempre accogliere l’indicazione di chi è passato prima da quella  strada in termini di letture, di corsi di aggiornamento non solo dell’Aiev ma di momenti di crescita che ognuno riceve nell’ambito della sua  vita  e della sua trasformazione personale. 
 
Ricordiamo anche che tale professione si sviluppa e cresce nel tempo  solo investendo in  fatica, amore e pazienza  prima di avere importanti soddisfazioni economiche. 
 
Non scorderò mai il momento in cui abbiamo fondato l’Aiev 
Non scorderò mai i percorsi fatti , i treni e gli aerei presi per raggiungere a volte faticosamente sedi di eventi, convegni, seminari e congressi 
Non rinuncerò mai all’emozione di seguire la trasformazione dei miei pazienti che colgo nel loro sguardo, nella loro espressione  e persino nel loro modo di camminare e di porsi. 
 

 

Essere Insegnante di Metodo Bates è un privilegio…che si guadagna sul campo. 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here