Metodo Bates ed attivazione dell’area motoria

0
272

Nella mia lunga esperienza di Ortottista e di Educatore Visivo ho sempre basato il mio lavoro sul movimento.
Conosco molto bene l’espressione un pò stupita e divertita dei miei clienti quando iniziano le pratiche nel mio studio cominciando dal movimento dei piedi, delle gambe e di tutto il corpo prima di arrivare a portare il movimento nei loro occhi.
Purtroppo pochi sanno che tutti i vizi refrattivi  sono caratterizzati dalla fissità, dalla rigidità e quindi dalla “mancanza di movimento”.
Dai miei studi e più ancora dalle mie esperienze ho sempre verificato che riattivando l’area motoria attraverso il corpo si riattiva la funzione visiva.
Spesso gli effetti sono clamorosi.
La sollecitazione gentile e coordinata dell’area motoria, suggerisce al cervello il recupero di “mansioni” che non pensava di saper svolgere.
Spesso anche in un sola ora di attività motoria coordinata  con la funzione visiva  si assiste a dei miglioramenti straordinari e neanche lontanamente sperati !
Spesso l’atteggiamento è quello di disperata rassegnazione per un’invalidità grave che si ritiene irreversibile.
La luce che si accende negli occhi di chi sperimenta la connessione movimento e miglior vista è la soddisfazione più grande del mio lavoro.
Questo momento viene accompagnato sempre da una grande e incredula emozione.