Sunning

A proposito di sunning e dei suoi significati

Il sunning è una pratica molto piacevole tipica del Metodo Bates che va fatta a occhi chiusi esponendo le palpebre chiuse al sole alternando l’oscurità del palming mentre si volta la schiena al calore dei raggi solari.
Molti sono i significati di questa pratica e mi piace citare gli scritti di un importante Maestro di Vita che ci ha lasciato moltissime testimonianze di luce per rendere più chiara l’importanza di questa buona abitudine che coinvolge gli occhi e non solo perché il sole è vita ….
……………
“Niente di ciò che potete fare nella vita è altrettanto importante quanto assistere al sorgere del sole, poiché nessuna attività è capace di trasformarvi così profondamente. Certo, voi non mi credete, ma è perché non siete ancora coscienti del potere dei raggi del sole: sono capaci di sostituire in voi tutte gli elementi impuri, logori, tenebrosi con elementi divini. Il giorno in cui avrete imparato a ricevere i raggi del sole aprendovi a essi con tutto il vostro cuore, sentirete come riescono a lavorare in voi, a vivificarvi, a rigenerarvi, e i vostri pensieri, i vostri sentimenti, le vostre azioni, tutto sarà differente.”
La pedagogia iniziatica II, Vol. 28, O.C.
“Quando si studia il Grande Libro della Natura Vivente si osserva che, quando arriva l’inverno e quindi la terra è meno esposta ai raggi del sole, non cresce nulla, anche i fiumi sono gelati e la vita va a rilento. Ma in primavera, quando la terra è più a lungo esposta al sole, al suo calore, alla sua luce, tutto germoglia, tutto diventa bello, ricco, la vita circola ovunque.”
“La vera spiritualità può paragonarsi al lavoro che il sole opera sulla terra. Quando il sole, il nostro spirito, comincia a irradiare, a penetrare con il suo amore e con la sua luce tutte le cellule dei nostri organi per armonizzarle e farle cantare all’unisono, introduce uno stato di perfezione: la luce, la felicità, la salute, la pienezza. La vera spiritualità è il nostro spirito che, ogni giorno, illumina e purifica tutto il nostro essere affinché la nuova vita cominci a circolare in noi
Il mondo intero sa che esiste il sole e quello che fa, ma pochissimi hanno pensato che bisogna introdurlo nel proprio cuore, nella propria anima, nella propria intelligenza e nel proprio essere tutto intero, come un simbolo, una potenza di vita…”
“E’ in se stesso che l’uomo deve imparare a far sorgere ogni giorno il sole.”
Lo Yoga del sole, Vol. 201
Omraam Mikhaël Aïvanhov (Serbzi, 31 gennaio 1900 – Fréjus, 25 dicembre 1986) è stato un filosofo e pedagogo bulgaro. Nel 1937 si recò in Francia dove nel corso degli anni trasmise l’essenza del suo insegnamento filosofico e pedagogico. Il tema dominante delle sue opere è l’uomo e il suo perfezionamento. Nel solco della tradizione, l’autore ha proposto nuovi metodi per affrontare i problemi dell’esistenza, per una migliore comprensione della vita interiore e una migliore condotta nella vita quotidiana. Anche i riferimenti alla scienza dei simboli, all’astrologia, alla cabala, all’alchimia, non sono l’oggetto di speculazioni astratte ma servono, secondo i propositi dell’autore, ad illuminare i fenomeni della vita interiore. Aïvanhov ha tenuto 5000 conferenze dal 1937 al 1985 stenografate o registrate su audio o video cassette. In Francia sono stati pubblicati più di 77 volumi, in parte tradotti in 32 lingue.